Get Adobe Flash player

Diventa socio

Comitato Promotore BPdP

Banca di Prato: nome e logo donati al Comune

Alcuni membri del Comitato Promotore, stimolati da ex soci e da investitori che già guardavano al progetto BPdP con grande interesse, si dicono pronti a far partire un nuovo progetto bancario “pratocentrico”. Sarà la volta buona?*

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. Quale effetto ha avuto l’aumento di capitale voluto dalla Banca Popolare di Vicenza sulla mancata riuscita del progetto Banca Popolare di Prato? Quale la promessa dell’azienda di credito vicentina d’investire 50 milioni di euro a pioggia sul territorio pratese? Quale aver iniziato a chiudere gli sportelli periferici poche settimane dopo il termine ultimo per diventare soci sottoscrittori della Banca di Prato?

Il Comitato Promotore della Banca Popolare di Prato si è spesso interrogato, anche pubblicamente, sul “tempismo” delle azioni della BPV, oggi al centro di un vorticoso scandalo che potrebbe coinvolgere migliaia di correntisti. È innegabile, calendario alla mano, che la strategia della Popolare di Vicenza, almeno per quanto concerne i tempi, abbia ostacolato in maniera evidente il progetto atto a costituire un istituto di credito pensato principalmente per Prato e i pratesi.

Leggi tutto...

Popolare di Prato: impresa solo sfiorata. È un addio o un arrivederci?

A pochi giorni del termine ultimo per la raccolta del capitale sociale, il Comitato fa sapere che non è riuscito a raggiungere la quota minima richiesta dalla Consob per aprire il primo sportello. “A Prato forse non interessa avere una sua banca. Eppure in tanti rimpiangono CariPrato”. 

 

L’impresa è stata solo sfiorata. Il Comitato Promotore della Banca Popolare di Prato comunica che il quantitativo minimo di capitale sociale necessario per attivare una vera banca del territorio non è stato raggiunto.

La raccolta si è fermata intorno a 6 milioni e mezzo di euro, sottoscritti da oltre 500 soci, tra persone fisiche e giuridiche. La cifra minima per aprire il primo sportello, tuttavia, è pari a 10 milioni. “Per la maggior parte – fa sapere il Comitato – si tratta di promesse su carta: abbiamo preferito, in accordo con i sottoscrittori, non procedere con la registrazione ufficiale prima del raggiungimento dei 10 milioni, al fine di non far versare agli interessati, in caso d’insuccesso, neanche le spese notarili”. Una scelta volta alla massima tutela dei sottoscrittori e dei loro capitali.

Leggi tutto...

La costituzione della Banca di Prato è ARCIsicura

Grande entusiasmo per l’ingresso del comitato provinciale dell’associazione nel novero dei soci sottoscrittori della nascente azienda di credito. Barni: “invito i presidenti dei singoli circoli e i soci a fare altrettanto”

Sabato scorso, 21 febbraio, è stato compiuto un altro importate passo in avanti verso la costituzione della Banca Popolare di Prato. Il comitato provinciale dell’Associazione Ricreativa e Culturale Italiana (ARCI), vicino al progetto fin dai suoi esordi, è diventato socio sottoscrittore della nascente azienda di credito.

Leggi tutto...

Abbiamo preferito far bruciare i nostri risparmi da Vicenza, invece di dare vita ad una banca per Prato 

Il Comitato della Popolare di Prato mostra preoccupazione per il crollo delle azioni dell’istituto veneto e si chiede perché le istituzioni e le associazioni cittadine abbiano preferito fidarsi di Vincenza e non aderire al progetto per costituire un’azienda di credito pensata esclusivamente per i pratesi.

Il Comitato Promotore della Banca Popolare di Prato desidera esprimere grande preoccupazione per le notizie apparse sui giornali riguardanti il crollo del valore delle azioni della Banca Popolare di Vicenza.

Ogni singolo titolo è stato deprezzato del 23,2%, pari a 14,5 euro. “Con tutti i soldi perduti dai risparmiatori pratesi – si legge in una nota diffusa dal Comitato - si sarebbero potute costituire almeno due banche realmente del territorio. Un grande danno per l’economia pratese. La sola Fondazione Cassa di Risparmio di Prato ha perduto 5 milioni di euro nel giro di poche ore. Risorse che sarebbero potute essere investite in maniera diversa, magari sostenendo un’azienda di credito effettivamente collegata al territorio pratese, come desidera essere la stessa Banca di Prato”.

Leggi tutto...

Il comitato della Banca Popolare agli industriali di Prato: “Il consiglio d’amministrazione sarà formato da pratesi”

Il Comitato Promotore della Banca Popolare di Prato ha recepito con stupore le dichiarazioni di Andrea Cavicchi, presidente dell’Unione industriale pratese, in merito ai nuovi assetti societari della Banca Popolare di Vicenza, chiamata a trasformarsi in Spa in ottemperanza a quanto stabilito dal Governo. “A differenza di Cavicchi – si legge in una nota diffusa dai soci promotori della costituenda Banca Popolare di Prato – non siamo affatto stupiti che il nuovo Cda della banca vicentina non preveda la presenza di un pratese. Non riteniamo neanche che questa presa di posizione dei vertici della Bpvi sia un segno di miopia, o un’anomalia, ma una chiara volontà, in atto da molti anni. Non ci sorprende neanche la sensibile riduzione delle erogazioni sul territorio pratese da parte della Bpvi, come abbiamo letto sugli organi di stampa, anzi siamo certi che non sarà affatto leggera”.

Leggi tutto...

Scopri tutti i vantaggi

I vantaggi per i soci


Vuoi essere ricontattato? Per maggiori informazioni compila la form

captcha